Stipulare un contratto di Apprendistato Professionalizzante (legge n.78/2014)

 

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 Maggio 2014 il testo di conversione del cd JobsAct (DL 34/2014). Con due passaggi alla Camera ed uno al Senato (e due voti di fiducia) la legge n.78/2014 è in vigore e si applica a tutte le assunzioni poste in essere dopo il 20 Marzo 2014 (come specificato nell’art. 2 bis c.1 del citato DL . 34/14)

L’apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani.

L’apprendista, per essere assunto in apprendistato professionalizzante, deve avere un’eta’ compresa tra i diciotto anni e i ventinove anni.

Obblighi relativi all’impresa:

L’impresa deve comunicare almeno un giorno prima dell’inizio del rapporto di lavoro (data di assunzione) al Centro per l’Impiego competente per territorio, attraverso il sistema informatico SIL, i dati anagrafici della ditta e del lavoratore, la tipologia di impiego, la mansione (apprendistato), la durata del contratto, l’orario ed il luogo di lavoro, la retribuzione, il livello di inquadramento.

L’impresa deve, contestualmente all’assunzione redigere in forma scritta il contratto di lavoro e predisporre il Piano Formativo Individuale (il Piano formativo Individuale è il documento di sintesi con i dati dell’apprendista, dell’impresa e del tutor, contenente il dettaglio del percorso formativo specifico per quella risorsa.

l’impresa deve garantire l’erogazione della formazione (base e trasversale, specialistica di mestiere) ; in caso contrario è passibile di sanzioni da parte del personale ispettivo o di vertenze da parte del lavoratore o dell’INPS.

SINTESI ASUNZIONE

Obbligo della formazione di base e trasversale e comunicazione entro quarantacinque giorni dall’assunzione , da parte della Regione al datore di lavoro, dell’offerta formativa pubblica:

L’obbligo della formazione di base e trasversale  è stato confermato, ammorbidendo la disciplina solo per quelle Regioni che ancora non si sono attrezzate e confermando di fatto le linee guida della conferenza Stato-Regioni del 20 Febbraio 2014.

La Regione provvede a comunicare al datore di lavoro, entro quarantacinque giorni dalla comunicazione dell’instaurazione del rapporto, le modalità di svolgimento dell’offerta formativa pubblica […] ai sensi delle linee guida adottate dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano in data 20 febbraio 2014 “.

FORMAZIONE OBBLIGATORIA

L’obbligatorierà della comunicazione “entro quarantacinque giorni” dall’assunzione, anche in virtù del suddetto rimando, nella Regione Lazio,  è soddisfatta dalla disponibilità online del portale S.App2, contenente esplicite indicazioni sulle sedi e i calendario dei corsi di formazione finanziata

A breve il sistema prevederà l’invio, al datore di lavoro entro i “quarantacinque giorni”, di una mail di rimando al link del SAAP 2, dove poter prendere visione dei corsi disponibili e poter effettuare l’iscrizione dell’apprendista .

Ad oggi la buona prassi è che il datore di lavoro, indipendentemente dalla comunicazione da parte della Regione Lazio, si registri al SAAP 2, scelga la modalità di formazione esterna o interna  ed effettui l’iscrizione ai corsi.

formazione obbligatoria

Formazione obbligatoria: monte ore

[FrontpageSlideshow fs_cats=9,156,47,4,1 fs_slides=20 fs_slide_width=100% fs_buttons_width=20% fs_transition=dropright fs_transition_on=dropright fs_theme=default]

This entry was posted in Apprendistato, Uncategorized. Bookmark the permalink.

Comments are closed.